venerdì 7 maggio 2010

Il comic di True Blood e il maiale addosso a Ryan Kwanten

La notizia è che in rete sta girando la cover del primo numero del comic tratto da True Blood. In quanto fan sfegatato della serie, non posso che gioire dell'informazione e postare l'artwork.


Detto questo (e, soprattutto, visto), sono rimasto parecchio spiazzato da come mi hanno disegnato Jason. Ma chi cavolo è quel secco emaciato? Stiamo parlando di quel manzo di Ryan Kwanten, non di un poeta decadente della Prigi ottocentesca.
Per rendere giustizia alla gnoccheria di Ryan, ho quindi deciso di dedicargli una bella retrospettiva, con alcuni scatti random dalla sua carriera di modello e attore (fonte immagini: superherofan).



Certo, il viso non esprime proprio il massimo dell'intelligenza, ma non è certamente spigoloso come sembra invece nel comic.


Per non parlare poi della perla fisica di Ryan, le sue chiappe e la favella di cui sono dotate.


In questi scatti non sembrano nemmeno strepitose. In certe puntate di True Blood sono anche meglio. Vedremo più avanti...


Eccolo in versione diavolo mascherato da angelo...


...e in versione surfista australiano.


Ripercorriamo ora i suoi primi passi nel mondo della tv, in Liquid Bridge e Summerland. Noto che il suo petto è sempre stato sfruttato parecchio. Ecco il motivo del suo successo...


E chiudiamo con alcune caps che ci ricordano le migliori performance di Ryan nei panni di Jason Stackhouse. Le immagini parlano da sole, non sto nemmeno a commentarle.


Scene simili sono peggio di una droga. Io sono in crisi d'astinenza da troppo tempo...


Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...