domenica 21 febbraio 2010

Hoa-an, il lap dancer del Village Soho

Oggi vi racconterò una storia.
In uno dei miei viaggi a Londra nel corso del 2009, un sabato sera di settembre sono capitato al Village Soho, locale marcatamente gay in Wardour Street, in fondo a Old Compton Street.
Il posto, che di per sé è un buco, era parecchio affollato. Il motivo? Un ballerino asiatico che sulla sua pedana a lato del bancone compiva evoluzioni danzerecce che sfidavano ogni legge di gravità. C'erano solo lui, quasi completamente nudo, e la sua sbarra per la lap dance, alla quale il ragazzo si attaccava manco fosse Spider Man (in realtà c'era anche un secondo ballerino, nemmeno tanto male, ma nessuno se lo filava).
Ho già parlato del mio scarso interesse per gli asiatici, ma con quello in particolare ho sospeso ogni giudizio: aveva un maiale di dimensioni indefinibili che ballava insieme a lui sulle note di Britney Spears. Per non parlare poi della sua naturale propensione alla troiaggine, con certe smorfie da svenimento e gli svariati bicchieri di acqua che si rovesciava sul petto.
Ecco uno scatto di quella sera.


Passano le settimane e un bel giorno, spippando qua e là in rete, cosa trovo? Uno shooting realizzato da Dylan Rosser per il libro Red. Protagonista, un certo Hoa-an, ballerino di origini asiatiche residente a Londra. Non mi è stato difficile fare 2+2...


Da quanto ho potuto valutare di persona, sul davanti non dovrebbe esserci granché. Ma il suo culo non solo parla, ma riesce addirittura a cantare. Ve lo assicuro.


Sono passato di nuovo al Village verso metà dicembre. Lui non c'era. Spero fosse semplicemente la sua serata libera.


Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...